Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 26/07/2021 alle ore 19:03

Attualità e Politica

17/06/2021 | 15:18

Vallone (direttore Dia) in Commissione Antimafia: "Criminalità organizzata nei paradisi fiscali per gestione del gioco illegale"

facebook twitter pinterest
Vallone direttore Dia Commissione Antimafia Criminalità gioco illegale

ROMA - La criminalità organizzata continua a utilizzare i paradisi fiscali per gestire il gioco illegale. All'estero, «i sodalizi mafiosi, ampliando l'utilizzo della tecnologia, si stanno orientando verso i settori del gioco e delle scommesse, in cui imprenditori riconducibili alla criminalità organizzata, grazie alla costituzione di società nei paradisi fiscali, creano un circuito parallelo a quello legale, che consente di ottenere notevoli guadagni e, in particolare, di riciclare in maniera anonima cospicue quantità di denaro».
Lo ha detto il direttore della Direzione investigativa antimafia, Maurizio Vallone, nel corso di un'audizione in Commissione Antimafia, sottolineando «una spiccata vocazione imprenditoriale della 'ndrangheta, favorita dalle ingenti risorse economiche di cui dispone, derivanti da attività illecite sempre più diversificate che spaziano dal narcotraffico internazionale alle infiltrazioni negli appalti pubblici, dalle estorsioni al gaming» e il «crescente interesse criminale» di Cosa Nostra «per il gaming, che nelle aree di proiezione è utilizzato soprattutto per il riciclaggio» di denaro di provenienza illecita, ma in Sicilia è «funzionale anche per il controllo del territorio».
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Giochi Snaitech Sbc Digital Italia

Giochi, Snaitech a Sbc Digital Italia

26/07/2021 | 15:45 ROMA - Si apre mercoledì 28 luglio "SBC Digital Italia", la due giorni di eventi dedicati all’industria del gaming in Italia, un paese che ospita le aziende tra le più innovative dello scenario internazionale.  Snaitech...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password