Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 02/03/2024 alle ore 09:55

Ippica & equitazione

06/11/2023 | 10:00

Ippica: all’Ippodromo Snai La Maura il “Trofeo Luigi Canzi” va all’allievo Lorenzo Talpo Jr alla guida di Don Saxo, mentre Follia D’Esi sbaraglia tutti nel Premio Deipera

facebook twitter pinterest
Ippica Ippodromo Snai Maura Trofeo Luigi Canzi Lorenzo Talpo Jr guida Don Saxo Follia D’Esi Premio Deipera

ROMA - All’Ippodromo Snai La Maura di Milano è stata una bella domenica di trotto con sette prove in programma anche se la pista è apparsa pesante a causa delle piogge dei giorni scorsi su Milano. Occhi puntati sul Trofeo Luigi Canzi, in onore del precursore del trotto in Italia scomparso nel 2009 all’età di 83 anni, con due prove eliminatorie e la finalissima a chiusura di riunione riservate agli allievi driver. E partiamo dalla cronaca proprio della finalissima per il Premio Cornish Cris alla quale hanno partecipato i primi cinque classificati di ogni batteria. Fresco della prima vittoria ottenuta tra i professionisti (venerdì a Treviso con Dresda Bi), Lorenzo Talpo jr si è tolto un’altra bella soddisfazione confermandosi tra i driver più promettenti di questa ultima nidiata. Alla guida di Don Saxo lo sloveno, allenato da Paolo Scamardella, è stato in parte condizionato da un rotabile danneggiato nella prima prova ma, con il terzo posto, si è guadagnato la qualificazione. E in finale è stato semplicemente superlativo, perché ha strappato al via per tentare vanamente di superare nel lancio Carlos Alter, si è adeguato all’esterno del rivale ed è tornato alla carica al chilometro, passando appena in retta e sfuggendo al ritorno di Ciel Joyeuse. Media di 1.16, tenendo con coraggio nonostante il parziale iniziale. Ciel Joyeuse risaliva bene per corsie esterne nei 700 finali e finiva forte in retta avvicinando il vincitore, Zigfild Wise L seguiva le mosse del rivale e terminava terzo, salvandosi dal finale di Una Bella Gar che si liberava tardi come pure Zerouno Mmg.

I cinque soggetti si erano tutti qualificati nella seconda prova, il Premio Treno Elettrico, vinta a grossissima quota da Zerouno Mmg con una ‘magata’ di Salvatore Piscuoglio jr: il cavallo di Cosimo Cangelosi sembrava pesantemente condizionato dal numero 12 di partenza, ma il suo interprete era bravo a guadagnare la seconda pariglia in scia a Aesir Selva, e poi a gettarsi in corda alle spalle del battistrada Don Saxo, trovando in retta un’autostrada che ha prontamente imboccato per una vittoria a oltre 35/1. Combattutissima la volata per le piazze, con Zigfild Wise L che aveva ragione di Don Saxo.

Nell’altra batteria, quella uscita in pista per prima per il Premio Campanile, ha visto il bel successo di Budduso Lippi con Vincenzo Savarese jr, il quale sistemava subito il cavallo di Dario Battistini in terza pariglia, poi con 600 finali affrontati in terza ruota prendeva il sopravvento in retta sfuggendo all’agguato di Athena del Ronco, mentre Carlos Alter finiva bene a bruciare per il terzo posto Aereo Bre Light.

Bel debutto, invece, di Follia D’Esi nel Premio Deipera, l’altra interessante prova della giornata a La Maura sui 1650 metri per cavalli di 2 anni: la cavalla presentata e guidata da Mauro Baroncini sottometteva con relativa facilità la favorita Favilla Amg – che pure aveva conquistato senza spesa il comando e aveva potuto gestire a piacimento il ritmo – e si imponeva a media di 1.16.1. Un debutto interessante, quello della figlia di Ringostarr Treb che andrà seguita alla prossima per una conferma. Terzo posto a intervallo per Frecciarossa Cast, in errore l’altra attesa della vigilia Fearless Font, che non aveva convinto troppo in sgambatura.

La pista lenta non ha premiato i tempi effettuati. Lo hanno sperimentato sulla propria pelle Explorer Mundi e Evidence Ferm che, nel Premio Lancelot, la prima delle due prove riservate ai gentlemen, se le erano date per la conquista del comando, con il maschio che rientrava alla femmina ma al prezzo di 200 metri iniziali sotto i 13 secondi. Era bravo Marco Castaldo in sulky a Extra Wind a ‘leggere’ bene la situazione e a muovere all’esterno ad un giro dalla fine: la cavalla di Fausto Barelli, di nuovo in ottimo assetto, raggiungeva il battistrada sul penultimo rettilineo, prendeva il sopravvento già al mezzo giro finale e si imponeva per distacco a media di 1.15.1. Evidence Ferm alzava bandiera bianca a traguardo lontanissimo, Explorer Mundi si gettava di galoppo quando era già sopravanzato dal rivale, così a intervallo terminavano alle piazze Elonmusk Jet e Elalla Jet.

Buona la terza per Eucalion: nel Premio Freccia del Sud, il cavallo di Lorenzo Baldi affidato a Maurizio Cheli si impegnava in una costante risalita per corsie esterne e in retta proponeva le battute migliori svettando a media di 1.16.7. Bel finale di Ector Zl, che bruciava per il secondo posto England As, mentre la battistrada Etiope Jet calava nei 70 metri finali.

Mauro Baroncini arricchiva il bottino di giornata con l’en plein realizzato nel Premio Bambaia, la seconda gentlemen di giornata riservata a cavalli di 4 anni a reclamare: era Dede Dell’Olmo a imporsi, guidata con fiducia da Filippo Monti che interpretava la figlia di Ideale Luis in un coraggioso percorso d’assalto nei 600 finali, debellando in retta la resistenza della battistrada Docena e resistendo al compagno di training Dodo Degli Dei, che ne aveva seguito le mosse per poi tentare vanamente l’agguato nel finale. Docena chiudeva terza calando in retta.

Prossimi appuntamenti con il trotto milanese già questo martedì 7 e poi venerdì 10 novembre.

RED/Agipro

Foto credits Dena - Snaitech

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password