Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 02/03/2024 alle ore 20:48

Ippica & equitazione

25/10/2023 | 17:00

Ippica, Roma Champions Day: domenica 29 all'Ippodromo Capannelle va in scena la storia del turf italiano

facebook twitter pinterest
Ippica Roma Champions Day domenica 29 Ippodromo Capannelle scena storia turf italiano

ROMA - Domenica 29 ottobre, con inizio alle ore 14.00, il mondo dell'ippica accenderà i riflettori sull'Ippodromo Capannelle che ospiterà il Roma Champions Day, l'appuntamento più atteso dell'autunno capitolino, ribattezzato a ragione "la grande festa del turf italiano". Un programma, quello messo a punto da Hippogroup Roma, di straordinario spessore tecnico e spettacolare, quanto di meglio si possa proporre agli appassionati. Un concentrato di spettacolo, emozioni, qualità, prestigio e valenza tecnica che farà palpitare il numeroso pubblico atteso sulle gradinate dello storico impianto romano.

Il Roma Champion Day è il summit autunnale per eccellenza, tra le giornate più complete dell'intero anno ippico, ragion per cui tutti gli appassionati attendono con trepidazione questo pomeriggio. Ben tre corse di gruppo nel cartellone di domenica 29, vale a dire il Lydia Tesio, il Premio Roma Italian Champion e il Ribot Memorial Luciani, ma in calendario anche due listed, ovvero il Divino Amore Livermore e il Premio Buontalenta, e per completare la giornata anche un handicap prestigioso, il Premio Longines Fegentri.

Sei corse, quattro sulla pista grande in erba, una quella dritta sempre in erba, mentre per gli amatori è pronto l'anello all weather. Le distanze andranno dai 1000 ai 2000 metri.

La grande novità di quest'anno è che il Roma Champions Day rilancia e raddoppia con una succulenta appendice in programma domenica 5 novembre, quando l'Ippodromo Capannelle ospiterà un altro convegno di straordinario prestigio. In programma una pattern eccezionale per i due anni sui 1800, il Premio Guido Berardelli, e ben tre listed: il Premio Umbria, per velocisti di due anni e oltre; il Premio Rumon Memorial Daniele Porcu, per due anni sui 1500 metri; e infine il Criterium Femminile Memorial Lorenzo Brogi, per femmine di due anni sempre sui 1500 metri.

La corsa dedicata a Donna Lydia Tesio, riservata alle sole femmine in confronto intergenerazionale sul doppio chilometro, si disputò per la prima volta immediatamente dopo la scomparsa della grande Signora del Turf, anno 1968, e vide primeggiare Atala, per i nobili colori della scuderia Fert. In oltre mezzo secolo, tutte le grandi scuderie italiane e molte tra le più titolate europee hanno inciso il loro nome nell'albo d'oro della corsa, così come anche campionesse del calibro di Dudinka, Orsa Maggiore, Zabarella, Friendswood, Right Bank, Miss Secreto, Lara's Idea, Zomaradah. L'ultima trionfatrice della corsa regina dell'autunno è stata Romagna Mia, brava a precedere d'un soffio Basilea, laureata dell'anno precedente.

Il Premio Roma (altro gruppo II) ha una storia importante e particolare che affonda le sue radici nel tempo, vista che la prima edizione è datata 1911 con Dedalo primo vincitore.

Il premio, nato come ultima occasione per i fondisti sui 2800 metri, all'inizio degli anni 90 è stato opportunamente portato sui 2000, nel frattempo diventata la distanza di elezione per la selezione mondiale.

Attesissimo anche il confronto intergenerazionale sul miglio, il Premio Ribot-Luciani, corsa di Gruppo 3. Un premio che è insieme punto di arrivo e rampa di lancio verso appuntamenti addirittura a Hong Kong nel mese di dicembre. Negli ultimi trenta anni i nomi prestigiosi dei vincitori Misil, Altieri, Distant Way, Ramonti, Pressing, Worthadd, Kasperski, rappresentano a pieno la valenza significativa di questa corsa.

Particolare attenzione anche per le frecce volanti, i velocisti di due anni che si misureranno sul chilometro secco del Premio Divino Amore Livermore (listed).

RED/Agipro

Foto credits Domenico Savi

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password