Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 18/05/2024 alle ore 10:00

Attualità e Politica

03/04/2023 | 12:23

Giochi in Emilia Romagna, gestore contro il Comune di Ravenna: il 15 giugno l'udienza in Consiglio di Stato, in ballo i cinema tra i luoghi sensibili

facebook twitter pinterest
Giochi in Emilia Romagna gestore contro il Comune di Ravenna: il 15 giugno l'udienza in Consiglio di Stato in ballo i cinema tra i luoghi sensibili

ROMA – Si terrà il 15 giugno 2023 l'udienza pubblica in Consiglio di Stato sul ricorso di un gestore di Ravenna, a cui il Comune aveva ordinato la chiusura della sua sala giochi per la violazione del "distanziometro". A stabilirlo è l'ordinanza della Quarta sezione, che ha accolto l'istanza per la sospensione della sentenza del Tar Emilia Romagna che aveva confermato il provvedimento comunale. L'istanza, si legge, è stata accolta «ai soli fini del mantenimento della res adhuc integra nelle more della decisione della causa» e la sala continuerà a operare almeno fino alla decisione di merito. Il Tar aveva respinto a dicembre 2022 il ricorso del gestore poiché l'ubicazione della sala non rispettava la legge regionale contro la ludopatia, la quale impone una distanza di 500 metri da determinati luoghi sensibili (in questo caso un cinema multisala) per l'installazione di apparecchi da gioco. In particolare, la società ricorrente aveva fatto ricorso contro la delibera del Comune di Ravenna, la quale interpretando la norma regionale aveva inserito anche i cinema nella categoria dei luoghi sensibili, in quanto “luoghi di aggregazione che offrono attività di richiamo per minori e adolescenti”.

RED/Agipro

Foto credits Sailko CC BY 3.0

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password