Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 18/09/2019 alle ore 10:08

Attualità e Politica

05/06/2019 | 18:12

Giochi, in Puglia svolta anti-proibizionista: ridotto il distanziometro, salve le licenze esistenti

facebook twitter google pinterest
giochi in puglia distanziometro

ROMA - Non passa la stretta anti-gioco in Puglia. Nella seduta di oggi il Consiglio Regionale ha votato una proposta di modifica che attenua notevolmente le restrizioni della legge regionale sul gioco in vigore dal 2013. Presentata da forze della maggioranza di Emiliano (Noi a Sinistra, Leu) la proposta ha trovato in assemblea un'ampia convergenza, fatta eccezione per il Movimento Cinque Stelle. Queste le misure più importanti.

Ridotto il distanziometro – La legge del 2013 proibiva l'apertura di sale giochi e l'installazione di apparecchi di gioco (slot e Vlt) al di sotto di 500 metri dai cosiddetti “luoghi sensibili”. La modifica approvata oggi riduce la distanza minima a 250 metri «da istituti scolastici primari e secondari, università, biblioteche pubbliche, strutture sanitarie e ospedaliere e luoghi di culto».

Salve le licenze esistenti – Il Consiglio ha votato l'abrogazione dell'articolo che stabiliva un termine di decadenza per le licenze di gioco già esistenti al momento dell'entrata in vigore della legge e non in regola con il regime delle distanze minime. Tali autorizzazioni in base alla vecchia norma sarebbero dovute decadere il 20 dicembre 2018, anche se il termine era stato prorogato al 20 giugno con un emendamento dell'ottobre scorso. Se la modifica non fosse passata, quindi, per molte attività sul territorio pugliese sarebbe partito entro qualche giorno l'iter di chiusura. Con il voto odierno del Consiglio, il rispetto delle distanze minime dai luoghi sensibili riguarda soltanto le nuove aperture.

Meno potere ai Comuni – Le amministrazioni comunali perdono la possibilità di individuare altri luoghi sensibili otre a quelli previsti dalla legge e anche quella di disciplinare gli elementi architettonici, strutturali e dimensionali delle sale da gioco e delle relative pertinenze.

Slot proibite nei piccoli locali – L'installazione delle slot è vietata in bar e tabacchi al di sotto dei 20 metri quadrati. Tra i 20 e i 50 metri quadrati non è consentita l'installazione di più di 2 apparecchi. Dai 50 in su si posson installare fino a sei apparecchi.

La Formazione - Altre modifiche bilanciano il senso “antiproibizionista” delle novità di cui si è detto finora. I gestori dei punti gioco sono tenuti a frequentare entro sei mesi e poi con cadenza biennale corsi di formazione sulle normative di settore e sulla prevenzione del gioco patologico. Proibita inoltre l'esposizione di cartelli fuori dai locali, che pubblicizzino possibilità di vincite o vincite realizzate.

MF/Agipro

Giochi in Puglia, Giove (Agisco): "Ha vinto la legalità, speriamo che anche il Governo segua questa strada"

Giochi in Puglia, Basta (Agire): "Nuovo distanziometro è risultato eclatante, faccia da traino a livello nazionale"

Giochi in Puglia, Biondo (Astro): "Le forze politiche hanno capito, tutelati i diritti di lavoratori e imprese"

Giochi in Puglia, Distante (Sapar): "Tutelati investimenti e migliaia di posti di lavoro"

Giochi in Puglia, Consiglio regionale: i Comuni non potranno individuare altri luoghi sensibili

Giochi in Puglia, Consiglio regionale: l'ampliamento del 75% delle sale equivale a nuova apertura

Giochi in Puglia, Consiglio regionale: slot vietate in bar e tabacchi sotto i 20 metri quadrati

Giochi in Puglia, bocciati gli emendamenti M5S su distanziometro, orari e luoghi sensibili

Giochi in Puglia, Consiglio regionale: nuovo luogo sensibile non potrà "sfrattare" un'attività esistente

Giochi in Puglia, Abaterusso (LeU): "Distanziometro inefficace, nel 2013 lo abbiamo utilizzato per lavarci la coscienza”

Giochi in Puglia, Di Bari (M5S): "Maggioranza incoerente, messa in discussione la legge votata nel 2013"

Giochi in Puglia, Romano (pres. Comm. Servizi sociali): "Distanziometro stroncato anche dalla Procura"

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password